Da paradiso ad arena - Credenti Senza Frontiere

Vai ai contenuti
MAYDAY MAYDAY… QUI PIANETA TERRA !
La CREAZIONE
e il senso della vita
(parte quarta - 1)
 
Da paradiso ad "arena"
Il Creatore, a seguito del fallimento del progetto “paradiso terrestre” con il giardino di Eden, aveva già pronta una strategia sostitutiva per il pianeta Terra: “considerare la Terra come un'arena” dove si sarebbero affrontati Titani del bene e del male, in spettacolo a tutti gli esseri viventi dell’universo… strategia che dava una svolta decisiva al problema dell’avvento del male... un po' come per dire a Lucifero, suo promotore: “Hai ora qui il pianeta Terra dove potrai dimostrare la validità del tuo progetto, affinché tutti possano capire attraverso le conseguenzedel male" (che potranno in tal modo rivelarsi in tutta la loro nociva estensione fino ad un estremo livello di pandemonio) a dimostrazione di quanto la nuova linea sia deleteria e che tutti possano, a conti fatti, trarne la giusta conclusione:
la politica di liberalizzare il male per l'eternità è da escludere , poiché non idonea a realizzare un nuovo paradiso, questa volta senza le tentazioni del serpente e senza l'albero della conoscenza del bene e del male. Una strategia, insomma, che permetterà a tutte le creature che vi abiteranno di essere per così dire vaccinate contro il male per l'eternità. Il "senso della vita" tanto cercato ora è finalmente stato qui trovato!
guerre spaziali, è fantascienza?
Ora Lucifero poteva farla da maestro, sabotando e boicottando la creazione, forse provocando certi incroci fra creature viventi per produrre nuovi esseri mostruosi e nocivi e mettere in cattiva luce il Creatore; ma tutto questo era anche parte delle ricadute negative previste sugli umani e su tutta la natura mancando la protezione e i consigli del Creatore che di tutta evidenza… prese le dovute distanze. Lucifero iniziò a esercitare la sua influenza sugli abitanti del pianeta Terra, che da allora dominerà, rendendo la situazione sempre più precaria, secondo una politica tendente ad eternizzare il male.
 
La reazione del Creatore
A dramma avvenuto, come farebbe un padre verso un figlio discolo, dopo la Big Temptation, vedendoli in difficoltà con le foglie di fico addosso, il Creatore li rivestì amorevolmente con una pelle di animale, ma senza lesinare sulle responsabilità di chi aveva fallito. "Allora Dio il SIGNORE disse al serpente: Poiché hai fatto questo, sarai marcato fra tutto il bestiame e fra tutte le bestie selvatiche! Tu camminerai sul tuo ventre e mangerai polvere tutti i giorni della tua vita”.  Ma lasciò ad Adamo ed Eva uno spiraglio aperto di speranza, con una promessa:
 
“Io porrò inimicizia fra te e la donna, e fra la tua progenie e la progenie di lei; questa progenie ti schiaccerà il capo e tu le ferirai il calcagno. Alla donna disse: Io moltiplicherò grandemente le tue pene e i dolori della tua gravidanza; con dolore partorirai figli; i tuoi desideri si volgeranno verso tuo marito ed egli dominerà su di te. Ad Adamo disse: Poiché hai dato ascolto alla voce di tua moglie e hai mangiato del frutto dall'albero circa il quale io ti avevo detto di non mangiarne, il suolo sarà alterato per causa tua; ne mangerai il frutto con affanno, tutti i giorni della tua vita. Esso ti produrrà spine e rovi, e tu mangerai l'erba dei campi; mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai”.  
 
Allora il Creatore lasciò a Lucifero la possibilitàdi diventare il "principe di questo mondo" (il quale raccolse i primi “frutti del suo impegno” con l’assassinio di Abele da parte di Caino) almeno fino all’avvento della "religione" che doveva ritrovare “la linea perduta” del bene… che nel tempo sarebbe culminata con l’avvento del Messia che è stato preposto alla gestione degli affari terrestri, da vero conoscitore…  fatto che rassicura i credenti.
Bestemmiare il Creatore è piuttosto popolare in quanto si attribuisce a Lui tutto quello che possa andare storto, ma tenuto conto delle rivelazioni bibliche, sarebbe invece più opportuno, se uno non potesse proprio farne a meno bestemmiare Luciferoanziché Dio!
 
Un nuovo Adamo che non toccò il frutto proibito
Ma ecco finalmente un antagonista di Lucifero all’altezza della situazione, Jeshua il Messia:Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai. Ma Gesù gli rispose: Vattene, satana! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi il culto”
Satana tenta il Messia mostrandogli le glorie del mondo
Altri condottieri, sedicenti spirituali , venuti, nel corso della storia, dopo di Lui, caddero invece miseramente di fronte alla stessa tentazione! Eppure, il Messia li aveva avvertiti:“Attenti! Il mio regno non è di questo mondo!.  

Credere negli uomini potenti, ricchi e possidenti, è un atteggiamento piuttosto popolare. E se un ricco diviene povero, perde tutti i suoi fan e amici.
È più facile dunque credere a Lucifero, signore di tutte le ricchezze del mondo, che a un Messia povero che diceva di se stesso: "Non ho nemmeno una pietra dove posare il capo”.  Con soltanto dodici sconosciuti seguaci, pescatori e gente del popolo, per i quali però era importante seguirlo per il fatto che solo Lui aveva “parole di vita eterna”.
il Messia avverte: Il mio regno non è di questo mondo!”
Un Messia venuto per riparare alla drammatica caduta del primo uomo creato che aveva pregiudicato la realizzazione di un paradiso terrestre… poiché in ogni modo il PARADISO HA DA ESSERE!
 
Il mondo attuale
…non è più pertanto com’era stato creato.
Il primo uomo e la prima donna si misero dunque con il “partito di liberalizzazione del male”, dopo di che l’equilibrio del paradiso si sgretolò e Lucifero, avendo trovato così due prime vittime facili, fu legittimato ad esercitare il suo potere su tutto il pianeta e su tutti i discendenti per il resto del tempo e vi prese dimora stabile con il suo seguito (ma vi era già stato relegato  dal Creatore, anche per limitare i danni, essendo già riuscito ad abbindolare, stando al Big Book, un terzo degli angeli.  

Questo fatto di volere il predominio sugli umani fu un suo grande errore dato che l’estrema fragilità fisica, psichica e spirituale dell’essere umano e la particolare sensibilità alla sofferenza, come il fatto di essere divenuti mortali, rispetto alle altre creature del Regno dei Cieli, avrebbero permesso alle conseguenze del male di manifestarsi fino al più estremo grado di drammaticità, fattore questo che si ritorcerà contro Lucifero al giorno del Giudizio universale con una condanna inappellabile, per la responsabilità di aver causato tanta sofferenza con la liberalizzazione del male. Solo allora il sogno del paradiso potrà divenire realtà, in quanto tutti saranno vaccinati contro la linea del male, avendo capito che questa linea non apre la porta alla libertà come viene propugnata, ma piuttosto alla sofferenza e all'autodistruzione!
 
Ma nell’attesa, gli umani, in Adamo, detenevano e detengono tuttora il libero arbitrio al punto che possono decidere se fare del pianeta Terra uno pseudo-paradiso oppure una bolgia infernale… sempre contando sul potere oscuro del male!

Oramai la strategia di Lucifero è palese: suscitare il caos ovunque e con ogni mezzo e menare così il can per l’aia… per allontanare il “giorno del giudizio" ed esercitare il suo potere più a lungo possibile, magari con il pensiero che, alla fine, riuscirà a sconfiggere il bene, gli angeli fedeli, i credenti, il Messia e il Creatore stesso, utilizzando la preannunciata ultima guerra detta di "Gog e Magog", che avverrà dopo il millennio, arrivando a riunire il più grande esercito di tutti i tempi, composto da quelli che sono stati contro il bene e contro Dio, compresi quelli che sono vissuti sulla terra e che verranno risuscitati nella seconda risurrezione, più gli angeli ammutinati...
 
Torna ai contenuti